ANGOLAZIONI

 

Guidata da una luce d’argentooltre-le-parole
e frenata da un tremore beffardo,
affiora una mano adunca e minuta che
disegna armonie di pacata sofferenza.
Un cuore che pare avvilito e ferito,
inaudito, stilla sangue denso e opaco
su un mondo impermeabile ed ignaro.
Il raggio di un lampione proteso
rischiara le corse di un bambino
che alla vita non osa chiedere troppo.
Le parole prima abbozzate e custodite
sputano sillabe mute che diventano
lo specchio di un vuoto interiore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.